A Palermo torna la fiera dei morti

FacebookTwitterGoogle+

Di Elisabetta Accardi

Gradito ritorno a Palermo dopo due anni di assenza. Riapre, infatti, la Fiera dei morti che quest’anno avrà una location tutto d’eccezione: il teatro biondo.

Lunedì 2 Novembre sono previste attività ludiche: dalle 16 alle 23 attività per i bambini e performance teatrali.

La notte di zucchero, è frutto della mente dell’attrice palermitana Giusi Cataldo che afferma: “La vera tradizione dei morti si sta via via perdendo. I pupi di zucchero e la frutta di martorana stanno pian piano lasciando spazio a zucche decorate, fantasmi e vampiri. Io attraverso questa fiera cerco di recuperare la memoria di questa festa e trasmetterla alle nuove generazioni”.

I laboratori sono curati  da  Giuditta Pecoraino, Guerrilla Gardening, Atelier d’Anais, Banda Baratta, cooperativa “Il canto di Los”, Giuseppe Cutino, , Leonora Cupane con il Laboratorio autobiografico del Centro Studi Narrazione delle Città Invisibili. Inoltre, per chi vuole qualcosa in più, magari cambiare per qualche ora il proprio aspetto, è previsto anche un laboratorio di trucco e acconciature curato da Pino Ciacia, hair stylist palermitano. E’ importante precisare che in alcuni laboratori sono previsti dei contributi, seppur minimi, di 2 euro.

A partire dalle 20 e fino alle 23 sarà possibile partecipare alle performance itineranti di attori che reciteranno testi scritti proprio per la notte di zucchero. La particolarità dello spettacolo sta nel fatto che le rappresentazioni non avverranno sul palco scenico, ma bensì in luoghi particolari ed insoliti del teatro.

Ci saranno anche performance musicali e la proiezione di un documentario della stessa Giusi Cataldo. “Quando ero piccolo” una serie di testimonianze e ricordi che i palermitani hanno della festività dei ‘morti’.

 

12188186_892256634176268_5608927486737338999_o

 

Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.