Champions League: Napoli a caccia di un sogno, Inter ha sognato anche troppo.

FacebookTwitterGoogle+

Questa sera e domani scenderanno in campo per la seconda tranches degli ottavi di Champions League le altre due squadre italiane, oltre al Milan, impegnate nella competizione: Napoli ed Inter, infatti, dovranno affrontare rispettivamente Chelsea e Marsiglia. Per i partenopei questa doppia sfida con i blues (si parte al San Paolo alle 20.45) può essere decisiva per le sorti di una stagione che sta regalando tante soddisfazioni, almeno in territorio europeo, alla squadra di Walter Mazzarri ed ai tifosi. Un girone chiuso alle spalle del Bayern Monaco, davanti a Manchester City e Villareal, ed ora la soddisfazione di poter affrontare una delle squadre più forti d’Inghilterra sulla carta. Già, perchè Villas Boas non sta portando a casa i risultati che la dirigenza si aspettava. Lo “Special Two” non riesce a trasmettere ai suoi giocatori la filosofia e l’atteggiamento giusto, lo stesso che, invece, avevano i ragazzi del Porto campione d’Europa League della scorsa stagione, di cui proprio il portoghese era il traghettatore. Cavani e soci potrebbero approfittare di questa situazione per poter passare il turno ed arrivare a toccare concretamente il sogno dei quarti di finale e, chissà, potersi candidare seriamente alla vittoria finale. Dall’altro lato, purtroppo per l’Italia, c’è l’Inter, in crisi profonda dopo un deludente mercato di Gennaio che non ha portato ancora i frutti sperati e dopo una serie di sconfitte e pareggi in campionato che l’hanno fatta sprofondare in classifica. Marsiglia potrebbe essere la partita decisiva per le sorti di Claudio Ranieri, che non è riuscito ad infondere la giusta grinta e convinzione nella testa dei suoi ragazzi. Un dato ulteriore non fa ben sperare la dirigenza, perchè sulla panchina francese è seduto Didier Deschamp, lo stesso che nel 2004 fece esonerare dalla panchina del Chelsea proprio l’allenatore ex Juve e Roma. Speriamo in un esito diverso per lui e, soprattutto, per il ranking FIFA.

Alvise Salerno

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.