Coronavirus, carabinieri a fianco dei cittadini

FacebookTwitterGoogle+

Coronavirus, carabinieri a fianco dei cittadini: collaborazione con Poste Italiane per consegnare la pensione agli anziani

Proseguono le iniziative adottate dall’Arma dei Carabinieri a livello nazionale. Iniziative finalizzate ad alleviare i possibili disagi che incidono soprattutto sulle fasce più deboli.

Coronavirus, carabinieri a fianco dei cittadini

Soluzioni estemporanee e solidali, che si accompagnano alla ricerca di soluzioni più strutturate e funzionali; infatti, valorizzando le caratteristiche di prossimità dei reparti carabinieri, è stata attivata una collaborazione con la Società Poste Italiane; nel periodo emergenziale, consentirà alle Stazioni Carabinieri di curare il ritiro della pensione di anziani impossibilitati a provvedervi. Ciò, oltre ad offrire un sostegno diretto agli interessati, consentirà anche di deflazionare gli Uffici postali e di prevenire la commissione di reati.

La nota di Poste Italiane

Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto una convenzione; tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio; il tutto delegando al ritiro i Carabinieri. Il servizio non potrà essere reso a coloro che abbiano già delegato altri soggetti alla riscossione, abbiano un libretto o un conto postale o che vivano con familiari o comunque questi siano dimoranti nelle vicinanze della loro abitazione.

In base alla convenzione appena sottoscritta i Carabinieri si recheranno presso gli sportelli degli Uffici Postali per riscuotere le indennità pensionistiche; poi le consegneranno al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta. I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni.

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.