Eugenio Finardi, un appello sui social per la Sardegna

FacebookTwitterGoogle+

Eugenio Finardi 2

Un appello rivolto a tutto il mondo della musica si è levato da Eugenio Finardi che, tramite i propri canali social, ha diffuso la proposta di una compilation per raccogliere fondi e aiutare il popolo sardo messo in ginocchio dal Ciclone Cleopatra.
Lo scorso 20 novembre, il cantautore milanese ha infatti lanciato l’invito per una collaborazione tra gli artisti italiani e i musicisti della tradizione sarda: “Piccola idea! E se tutti noi artisti che hanno cantato in lingua sarda (Elio, Vecchioni, De André…) chiedessimo la liberatoria alle nostre case discografiche per pubblicare un disco a favore delle popolazioni colpite dall’alluvione? Magari con Artisti della grande tradizione musicale Sarda? Se vi piace l’idea condividete questo post!”.

Uno dei primi che ha risposto alla chiamata condividendo post e iniziativa è stato Roberto Vecchioni che, da due anni ormai riempie le piazze isolane in compagnia dei nuoresi Istentales (Luca Floris, Sandro Canova, Daniele Barbato, Davide Guiso, Sandro Savarese e Tonino Litterio). Il Professore ha inoltre pubblicato di recente una lunga lettera rivolta a tutti i Sardi, per esprimere il proprio dolore e solidarietà alla popolazione.

Un’altra adesione è arrivata da Maurizio Bettelli che, sempre tramite Facebook, ha concesso la liberatoria per utilizzare, in un ipotetico futuro disco, il brano “Naracauli” (inserito nel settimo disco dei Nomadi, “Naracauli e altre storie” del 1978): “In qualità di autore e compositore di ‘Naracauli’ (cantata dai Nomadi anni fa) concedo ben volentieri la mia liberatoria perché la mia canzone venga utilizzata per raccogliere fondi a favore delle popolazioni sarde colpite dall’alluvione. Eugenio, se va in porto, fammi sapere. Grazie.”

Secondo quanto riportato oggi su La Nuova Sardegna per il progetto Finardi ci sarebbero ulteriori contatti aperti con Cristiano De André, Elio e Le Storie Tese, Dolcenera e Ivana Spagna. Sempre secondo il quotidiano sardo per la raccolta benefica sarebbe già pronto un primo brano: si tratterebbe di “Narami”, scritta proprio dagli Istentales e che la formazione canterebbe insieme a Finardi, Vecchioni e il coro delle voci bianche di Olbia. (Rockol)

Questa voce è stata pubblicata in News e Concerti. Contrassegna il permalink.