Il Palermo pronto a ripartire dopo il Napoli

FacebookTwitterGoogle+

di Massimo Pisciotta

Tra lunedì e domenica, in appena 7 giorni, il Palermo mostrerà il suo reale valore in campo in una doppia sfida casalinga.

Archiviata la sconfitta tutto sommato digeribile del San Paolo, è tempo di capire che strada deve imboccare la stagione del Palermo. Giunti a metà del girone di andata infatti, gli uomini di Iachini si ritrovano davanti alla prima vera opportunità di mostrare quanto il gruppo sia cresciuto in queste 10 settimane e in appena 7 giorni, da lunedì a domenica, potranno provare a mettere in cassaforte un interessante bottino in termini di punti in classifica.

Si parte con l’Empoli di Giampaolo che lunedì sera al Renzo Barbera affronterà i rosa di Iachini. L’avversario non è impossibile, il Palermo non può permettersi passi falsi contro una diretta avversaria per la salvezza. La formazione di Giampaolo però, dopo un inizio di stagione terribile, sembra aver trovato la quadratura e potrebbe mostrarsi davvero temibile grazie alle giocate di Saponara che da trequartista sta dimostrando tutto il suo reale valore. Giampaolo non potrà usufruire del giovane e talentuoso Dioussè, squalificato per un turno, e dovrà fare a meno anche di Croce, fermato da un problema al polpaccio sinistro. Il tutto potrebbe tradursi in una perdita di qualità al centro del campo dove il Palermo, grazie a Maresca e Rigoni, dovrebbe provare a vincere la partita.

Nel fine settimana i rosa saranno ancora in campo al Renzo Barbera contro un’altra diretta concorrente per la salvezza: il Chievo Verona. La parabola dei clivensi è opposta a quella dei toscani: se l’Empoli appare in ascesa infatti, il Chievo sembra in affanno dopo un inizio di stagione convincente. L’ultima vittoria degli uomini di Maran è datata 23 settembre, quando il Chievo si impose in casa contro il Torino. In queste ultime 5 partite la verve realizzativa della coppia Paloschi-Meggiorini sembra essersi offuscata e fondamentale sarà il lavoro della retroguardia del Palermo per mantenere l’attacco clivense sotto controllo.

Inevitabile quindi pensare che dal risultato di queste due sfide della prossima settimana verrà fuori per il Palermo una traccia indicativa del futuro della squadra rosa. I tifosi di certo potranno farsi un’idea se ad attenderli ci sarà una salvezza comoda o se la Serie A resterà fino a maggio un bene prezioso da difendere fino all’ultimo incontro. Intanto la scossa l’ha data ieri il presidente Zamparini che, seppur in un contesto goliardico e senza mai mettere in discussione la panchina di Beppe Iachini, così ha commentato la sconfitta del Palermo a Napoli: “Per l’atteggiamento tenuto dai miei al San Paolo avrei voluto prendere a calci Iachini“. Per onore di cronaca va sottolineato come Zamparini più volte abbia poi ripetuto di essere soddisfatto dell’operato del tecnico e che non approvava soltanto il modo ‘supino’ con cui il Palermo ha accettato la sconfitta patita contro il Napoli.

LegaSerieAlogoTIM

Questa voce è stata pubblicata in News, Notizie, Sport. Contrassegna il permalink.