Voli sospesi per oltre 24 ore, torna operativo l’aeroporto Fontanarossa.

FacebookTwitterGoogle+

1396118795-letna-e-in-eruzione-video

Di Greta Di Maria

L’Etna dà spettacolo per la terza volta: è show per la fontana di lava. Tornano a decollare e ad atterrare gli aerei all’ aeroporto Fontanarossa, i cui voli erano stati sospesi per oltre 24 ore. Da questa mattina l’aeroporto di Catania riappare pienamente operativo, in assenza di cenere vulcanica che nelle scorse 48 ore ha causato, con il suo grigiore, danni e limitazioni ai voli in partenza e in arrivo.

A decidere la riapertura è l’unità di crisi con le autorità che, dopo la scelta di fermare i voli e prolungare per due volte lo stop, nella riunione di stamattina hanno valutato che esistessero tutte le condizioni di sicurezza per consentire agli aeromobili di atterrare e decollare.  Ed è  scrivendo: “Lo scalo è pienamente operativo” che il sito ufficiale dell’aeroporto catanese informa ai passeggeri la riapertura dei settori di volo.

Un’attività stromboliana che ha dato il via ad una fontana di lava dal cratere “Voragine”, iniziata sabato pomeriggio. Il terzo spettacolo in due giorni. Una situazione critica ma costantemente monitorata dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania.

E a fare i conti con le eruzioni non è soltanto il traffico, perché la cenere lavica emessa dall’Etna è caduta sugli agrumeti nella piana di Rosarno- Gioia Tauro, compromettendo la raccolta dei frutti. E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti che spiega che la cenere ha creato due tipologie di problemi, causando il blocco del processo di maturazione per alcuni frutti e la comparsa di macchie nere in altri.  «E’ evidente – spiega la Coldiretti – che tale situazione, sta creando anche problemi di competitività agli agrumi, che rappresentano uno dei beni economici più importanti del territorio».

Questa voce è stata pubblicata in News, Notizie. Contrassegna il permalink.