Condividi:

Lampedusa al collasso dopo gli sbarchi

L’isola di Lampedusa è al collasso dopo che, nel giro di 12 ore, sono sbarcati oltre 150 migranti. Il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, ha affidato il suo sfogo questa mattina al Time Magazine su Radio Time: “Il numero degli sbarchi è superiore alla norma. Stiamo provando a non far implodere il sistema mantenendo un ritmo incessante. Al momento non abbiamo alcun aiuto dalle istituzioni superiori”

per Lampedusa lo stato di calamità

Stato di emergenza

Se il numero degli sbarchi aumenta, le operazioni di smistamento degli stessi nel resto del territorio non è reso più semplice da tutte le restrizioni legate al Covid-19. Il Sindaco di Lampedusa e Linosa ha voluto sottolineare così lo stato delle cose: “Noi siamo costretti dai fatti all’accoglienza. Le operazioni sono ancora più lente perché, per ogni migrante, è necessario fare un tampone, attenderne l’esito e poi agire di conseguenza. Tutto questo – ha spiegato Martello – ci rallenta nel favorire il flusso dei migranti verso il resto del continente. La cosa importante è accelerare i trasferimenti perché Lampedusa è al collasso dopo gli sbarchi e serve subito una nave veloce per evitare il crollo del sistema”.

 

La politica non interviene

Lo sfogo del sindaco Martello si è concluso con una considerazione legata all’immobilismo della politica nazionale in merito al problema: “Bisogna avere il coraggio di dire la verità. Lampedusa è al collasso e serve lo stato di emergenza immediatamente. Non chiediamo trattamenti particolari o migliori rispetto ad altre situazioni. Semplicemente chiediamo che per Lampedusa sia riservato lo stesso trattamento visto nel caso dei terremotati de L’Aquila. Dico basta alla demagogia – ha concluso Martello – perché si tratta di un problema di natura sociale e non di colore politico. Nessun governo ha mai considerato la situazione come una vera emergenza. Anche lo stesso , da Ministro non ha mai veramente cercato un confronto con la nostra amministrazione per trovare soluzioni.

In questo momento sono presenti oltre 650 migranti nel centro di accoglienza di Lampedusa contro una capienza che non dovrebbe superare le 100 unità.

Condividi: